Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Esegui una nuova ricerca

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni
Agevolazioni finsubito
Agricoltura
Economia
Immobili
Legislazione
Prestiti - Mutui
Prestito aziendale
video news dalla rete


I conti correnti cointestati sono una forma di conto bancario molto comune, spesso utilizzata da coppie sposate o da genitori e figli per gestire le loro finanze congiuntamente. Tuttavia, come ogni aspetto finanziario, anche i conti correnti cointestati sono soggetti a regole e limiti che è importante conoscere per evitare complicazioni in futuro.

Le nuove regole e limiti sui prelievi per il 2023

Le nuove regole e limiti per i conti correnti cointestati nel 2023 variano in base a diversi fattori, tra cui il tipo di firma associata al conto e situazioni specifiche come il rosso, il divorzio, l’eredità e il pignoramento.

Firma congiunta o disgiunta

Un aspetto fondamentale da considerare è se il conto corrente cointestato è a firma congiunta o disgiunta. La differenza tra le due opzioni è significativa e influisce sulle operazioni che è possibile effettuare sul conto.

  • Firma congiunta: Se il conto corrente è a firma congiunta, tutti i titolari devono dare il loro consenso per qualsiasi operazione sul conto, compreso il prelievo di denaro. In questo caso, non esiste un limite o vincolo al prelevamento di denaro, ma è necessario il consenso unanime dei cointestatari.

  • Firma disgiunta: Nel caso di firma disgiunta, ogni cointestatario può operare autonomamente sul conto senza il consenso degli altri. Non ci sono limiti al prelevamento di denaro in questo caso.

Tuttavia, è importante notare che, in generale, nessun cointestatario può prelevare una somma superiore alla propria quota. Ad esempio, se ci sono due cointestatari, ognuno ha diritto alla metà dei fondi presenti sul conto. Se ci sono tre cointestatari, ogni titolare ha diritto a un terzo delle somme presenti, e così via.

Conto corrente in rosso: responsabilità e regole

Un’altra situazione che può verificarsi è quando il conto corrente cointestato va in rosso. In questo caso, la legge prevede che la banca abbia il diritto di richiedere l’intera somma dovuta per coprire il debito a ciascun cointestatario, indipendentemente da chi ha causato il saldo negativo.

Divorzio e conto corrente cointestato

Nel caso di coppie sposate che divorziano e hanno un conto corrente cointestato, ci sono regole specifiche da seguire. In generale, il conto corrente cointestato si scioglie o diventa di uno dei due coniugi. La somma presente sul conto viene divisa in parti uguali tra entrambi i coniugi al momento della separazione.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Tuttavia, esiste un’eccezione a questa regola. Se uno dei coniugi dimostra di aver contribuito in modo significativo alla costituzione del saldo finale, potrebbe avere diritto a una quota maggiore della somma presente sul conto.

Eredità e conti correnti cointestati nel 2023

Nel caso di eredità, le leggi in vigore stabiliscono regole specifiche per i conti correnti cointestati. Se uno dei titolari di un conto corrente cointestato muore, il cointestatario superstite deve informare la banca della morte per consentire la divisione dell’eredità tra gli eredi.

Tuttavia, ci sono differenze significative tra i conti correnti cointestati a firma congiunta e quelli a firma disgiunta. Se il conto è a firma congiunta, la banca bloccherà il conto fino a quando non verrà presentata la dichiarazione di successione. In questo caso, nessuno degli eredi, nemmeno il cointestatario superstite, può accedere ai fondi del conto del defunto fino al completamento della procedura di successione.

Nel caso di un conto corrente cointestato a firma disgiunta, la parte delle somme del defunto presente sul conto viene acquisita per il 50% dall’altro o dagli altri cointestatari e per il 50% dagli eredi. La banca congelerà solo la parte delle somme spettante agli eredi, consentendo agli altri titolari del conto di disporre delle somme a loro spettanti senza dover attendere la procedura di successione.

Pignoramento di un conto corrente cointestato nel 2023

Per quanto riguarda il pignoramento di un conto corrente cointestato, ci sono regole specifiche da seguire. Se il debito è di un solo intestatario, è possibile pignorare solo il 50% delle somme presenti sul conto corrente cointestato. L’altra metà non può essere toccata e può essere utilizzata dal cointestatario che non è il debitore.

I conti correnti cointestati offrono la comodità di gestire le finanze congiuntamente, ma è fondamentale comprendere le regole e i limiti associati a questa tipologia di conto. Nel 2023, le leggi in vigore stabiliscono chiaramente come affrontare situazioni come il rosso, il divorzio, l’eredità e il pignoramento. Conoscere queste regole può aiutare a evitare problemi futuri e garantire una gestione finanziaria senza intoppi.





Source link

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze