Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Esegui una nuova ricerca

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni
Agevolazioni finsubito
Agricoltura
Economia
Immobili
Legislazione
Prestiti - Mutui
Prestito aziendale
video news dalla rete


Roma, 22 febbraio 2024 – L’attuale dibattito che circonda il disegno di legge sull’assistenza ai disabili da parte di colf e badanti, in fase di esame presso le commissioni parlamentari, pone sotto i riflettori una serie di questioni cruciali. In particolare, si parla della tutela e del supporto agli anziani non autosufficienti. Sebbene l’intento di migliorare le condizioni di vita di questa fascia della popolazione sia encomiabile, è fondamentale esaminare attentamente le disposizioni proposte. E, inoltre, valutarne l’efficacia nel contesto delle esigenze reali.

Colf e badanti, a cosa sta lavorando il governo

Una delle principali disposizioni della legge è l’erogazione di un contributo statale mensile di 850 euro agli anziani sopra gli 80 anni in condizioni di non autosufficienza. Questo sostegno, concepito per integrare l’attuale “indennità di accompagnamento”, mira a coprire parzialmente i costi dell’assistenza familiare, di colf e badanti. Tuttavia, un’analisi dettagliata rivela che tale contributo potrebbe essere sufficiente solo per coprire un modesto numero di ore settimanali di assistenza da parte di una badante regolarmente impiegata. Sorge dunque il dubbio se tale aiuto sia veramente in grado di soddisfare le esigenze di coloro che richiedono assistenza a tempo pieno.

Pur disponendo di fondi significativi, pari a 250 milioni di euro annui, quindi, è essenziale interrogarsi sull’effettiva efficacia nell’allocazione di queste risorse. Si dovrebbe garantire che siano distribuite in modo equo ed efficiente, in modo da massimizzare il loro impatto positivo sulle vite degli anziani non autosufficienti e delle loro famiglie. Senza trascurare altre possibili destinazioni di utilizzo per migliorare il sistema di assistenza nel suo complesso. La legge proposta, infatti, stabilisce criteri rigorosi per l’accesso al sostegno, richiedendo che gli anziani interessati abbiano almeno 80 anni, siano in condizioni di non autosufficienza, percepiscano già l’indennità di accompagnamento. E, infine, abbiano un ISEE inferiore a 6.000 euro. Questi requisiti potrebbero escludere ingiustamente persone che, pur non soddisfacendo tutti i criteri, sono ugualmente in situazioni di vulnerabilità e necessitano di assistenza.

Inoltre, l’assegno di assistenza sarà erogato solo per un periodo sperimentale di due anni, ovvero nel 2025 e nel 2026. Con la possibilità, quindi, di revocarlo in caso di mancato utilizzo per le finalità previste. E’ per questo che la disposizione solleva dubbi sul lungo termine. Poiché potrebbe implicare una potenziale interruzione del sostegno vitale una volta terminato il periodo sperimentale. Lasciando, di fatto, molte persone anziane e le loro famiglie in uno stato di incertezza e precarietà.

>> Tutte le notizie di Stranieri in Italia

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Clicca per votare questo articolo!



Source link

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze