Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


diFederico Rota 

Il 1° Maggio finisce la Fiera sul Sentierone. Terzi (Confesercenti): «Con i parlamentari locali spesso mi confronto, ma a parte parole di comprensione di fatti se ne vedono ben pochi»

Mercoledì 1° Maggio calerà il sipario sulla 65esima Fiera dei Librai. Bilanci se ne faranno alla fine, anticipa Antonio Terzi, presidente di Confesercenti Bergamo e del Sindacato italiano librai e cartolibrai, ma l’umore attorno alla rassegna è più che positivo: «È un polmone che respira, una manifestazione che si sostiene». Tuttavia, «le librerie hanno bisogno di vivere tutti i giorni dell’anno». 

È sulla base di questa premessa che Terzi contestualizza le difficoltà con cui si stanno scontrando gli esercenti: «Nei primi tre mesi dell’anno l’Associazione italiana editori ha certificato un calo delle vendite di circa il 5%». Nel 2023, in tutta Italia, sono stati venduti 111,9 milioni di libri, per ricavi pari a 1 miliardo e 697 milioni di euro. In Bergamasca, secondo dati della Camera di commercio, operano 50 librerie, 137 cartolerie e 17 editori.




















































Il 2022 è stato l’anno più critico: 3 librerie e 11 cartolerie hanno abbassato definitivamente la saracinesca. Ora una nuova flessione delle vendite, cui si somma il venir meno di alcune iniziative governative di sostegno al settore. Terzi le elenca. La cosiddetta 18app, ossia il bonus cultura destinato ai neo diciottenni, «non è più una misura universale, ma è stata legata al reddito. E, quindi, a una burocrazia che sta scoraggiando i ragazzi». È stato poi tagliato il cosiddetto «tax credit» per le librerie: «Si è passati da 18 a 8 milioni di euro — dice Terzi —. Era un contributo fondamentale per sostenere affitti e spese del personale».

Nella seconda parte dell’anno, invece, Antonio Terzi teme le ricadute del venir meno del bonus biblioteche: «Sui 30 milioni di euro a livello nazionale, 1,2 milioni arrivavano nella nostra provincia, attraverso un meccanismo per cui almeno il 70% doveva essere speso nelle librerie del territorio». Al netto dei tagli, il rammarico di Antonio Terzi è per quella che denuncia come assenza di interlocuzioni con il governo: «In questo momento — dice — nei confronti dell’editoria, in generale, c’è una chiusura totale. Con i parlamentari locali spesso mi confronto, ma a parte parole di comprensione di fatti se ne vedono ben pochi».

Soffre pure il settore della scolastica. Per l’aumento dei prezzi: «L’anno scorso — spiega Terzi — i prezzi erano saliti del 6-7%, quest’anno ai listini si è aggiunto un ulteriore 3%». E pure per i ritardi nei rimborsi dei Comuni, o per le richieste di sconti insostenibili sui testi della scuola primaria, oltre che per la «concorrenza della grande distribuzione per i testi a partire dalle scuole medie, che per tre mesi l’anno vende libri in sottocosto non dichiarato».

La newsletter di Corriere Bergamo

Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Bergamo iscriviti gratis alla newsletter. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

30 aprile 2024 ( modifica il 30 aprile 2024 | 08:41)

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui