Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


“Le Zone Economiche Speciali sono un’opportunità per le imprese di sviluppo e competitività. Con la Zes unica del Mezzogiorno le aziende del Sud, e quelle flegree in particolare, possono sviluppare la propria attività ed essere più competitive sui mercati. Serve una collaborazione stretta tra imprese, professionisti e istituzioni locali per valorizzare questo processo. Noi commercialisti siamo pronti a supportare gli imprenditori su come utilizzare le risorse economiche e le misure destinate allo sviluppo del territorio”. Lo ha dichiarato Concetta Riccio, presidente dell’Associazione commercialisti flegrei nel corso del convegno “Zone economiche speciali tra opportunità di sviluppo e crescita aziendale” promosso dall’Acf che si è svolto a Pozzuoli. Nel corso dei lavori si sono alternati esponenti del mondo delle professioni, delle istituzioni locali e dell’impresa.

Secondo Eraldo Turi, presidente dell’Odcec di Napoli “la zona economica speciale unica per il Sud consente a chi vuole insediarsi produttivamente nel territorio di usufruire di una serie di semplificazioni. Basta, ad esempio, un documento unico per iniziare le attività e, poi, ci sono agevolazioni di tipo fiscale e crediti d’imposta a sostegno delle aziende”.

Secondo Luigi Manzoni, sindaco del comune di Pozzuoli “le agevolazioni previste per le Zes hanno l’obiettivo di attrarre investimenti, facilitare le esportazioni e di conseguenza, creare nuovi posti di lavoro attraverso diversi canali: la facilitazione delle pratiche burocratiche, le agevolazioni fiscali per le attività economiche; la creazione di nuove infrastrutture dedicate. Per tutte le azioni tese allo sviluppo economico, dalla lettura dei bisogni fino alle risposte che siamo in grado di dare, ognuno deve fare la sua parte, dialogando e confrontandosi sulle soluzioni possibili, ma con un concetto che deve guidare ogni nostra azione: un territorio con un’economia sana è un vantaggio per tutti”.

Vincenzo Moretta, presidente della Fondazione Odcec Napoli, ha sottolineato che “con l’istituzione della Zes unica da parte del governo c’è un vantaggio sia per le imprese che per i territori grazie alle agevolazioni fiscali e finanziare offerte. Vantaggi che riguardano ovviamente anche la possibilità per i commercialisti di poter intraprendere nuove attività, seguendo le aziende e specializzandosi per dare impulso a questo processo”.

Antonio Sabino, sindaco di Quarto, ha sostenuto che “dal governo arrivano provvedimenti nuovi, tra i quali l’istituzione della Zes unica per il Sud, che determinano un accentramento attraverso una cabina di regìa centrale. Questo processo bypassa il ruolo degli amministratori locali e crea un distacco tra le realtà dei territori con le loro attività produttive, realizzate da tantissime piccole e medie imprese, e il livello decisionale che rimane distante.

Maria Cristina Gagliardi, consigliere delegato dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di di Napoli, ha rimarcato che “la Zes unica può costituire uno straordinario strumento per favorire lo sviluppo del Sud e dell’intero Paese, però, è fondamentale che tutti gli stakeholder, istituzioni di governo nazionale e locale, imprese e professionisti, ciascuno nelle sue prerogative, partecipino in maniera costruttiva ai processi di progettazione, realizzazione e monitoraggio. In questa prospettiva, è stato istituito un ‘tavolo tecnico permanente’ coordinato dall’Odcec Napoli con i rappresentanti delle istituzioni e con Confindustria Campania. Primo risultato di questo ‘tavolo tecnico’ è stato far pervenire ai competenti organi di governo un documento, di concerto con tutti gli ordini dei commercialisti della Campania, con osservazioni e suggerimenti per la redazione del decreto attuativo. Al riguardo, va sicuramente sottolineato che la sua emanazione, sollecitata da più parti, è ormai diventata improcrastinabile”.

“Il mio giudizio sulla Zes unica è negativo – ha evidenziato dal canto suo Roberto Laringe, presidente di Federalberghi Flegrea – perché ha una soglia di ingresso che taglia fuori tantissime imprese che costituiscono la gran parte della ricchezza del nostro territorio. Anche le risorse sono ristrette e inadeguate al rilancio della nostra economia. Ritardi anche nell’approvazione del decreto attuativo che denota grande approssimazione da parte del governo”.

Per Monica Palumbo, vicepresidente della Commissione bandi comunitari dell’Odcec Napoli: “Le Zes sono state un volano importante per l’autoimprenditorialità. Gli imprenditori hanno investito recuperando, sotto forma di credito, parte delle somme impegnate. E’ un percorso importante perché porta le imprese a investire senza essere costrette ad aspettare finanziamenti a cascata o a fondo perduto”.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui