Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Si sbloccano i crediti d’imposta Transizione 4.0: dal 29 aprile parte la comunicazione ex ante ed ex post per l’utilizzo del bonus in compensazione. Le istruzioni nel decreto MIMIT

Al via la comunicazione per la fruizione dei crediti d’imposta Transizione 4.0.

Dalle ore 12 del 29 aprile sul sito del GSE sono messi a disposizione i modelli in formato editabile.

Le novità arrivano dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy e sono funzionali allo sblocco dei crediti d’imposta per i beni strumentali 4.0 e per le attività di ricerca e sviluppo, a seguito delle nuove procedure di comunicazione e monitoraggio introdotte dal decreto legge n. 39 del 29 marzo 2024.

Come funziona il nuovo adempimento? Focus sulle regole per gli investimenti nuovi o già effettuati.

Lettrici e lettori interessati possono iscriversi gratuitamente al webinar organizzato da TeamSystem ed Informazione Fiscale proprio in materia di Piano Transizione 5.0: analizzeremo insieme le caratteristiche principali del piano, i soggetti beneficiari, gli importi ottenibili come beneficio e le ultime (e numerose) novità normative in materia


Transizione 4.0, parte la comunicazione al GSE per i crediti d’imposta: come funziona

In parallelo alla nuova stretta in materia di cessione del credito per i bonus edilizi, il decreto legge n. 39/2024 ha introdotto nuovi adempimenti comunicativi anche per i beni rientranti nel piano Transizione 4.0 e nel bonus ricerca e sviluppo.

Riprendendo le regole che caratterizzeranno il piano Transizione 5.0, anche per i beni strumentali rientranti nella precedente disciplina agevolativa scatta un piano di monitoraggio più capillare.

La comunicazione ex post facoltativa diventa obbligatoria, per gli investimenti già realizzati alla data del 29 marzo, mentre per quelli nuovi effettuati dal 30 marzo in poi l’obbligo si duplica, prevedendo anche una comunicazione ex ante all’interno della quale indicare l’importo complessivo degli investimenti che si intendono effettuare e la presunta ripartizione del credito d’imposta negli anni e la relativa fruizione.

Doppia comunicazione, ex ante ed ex post , da effettuare tramite il sito del GSE (Gestore Servizi Energetici) a decorrere dalle ore 12 del 29 aprile e utilizzando il modello in formato editabile approvato con decreto MIMIT.

Le regole operative sono contenute nel provvedimento del MIMIT, che sblocca di fatto i crediti d’imposta per i beni 4.0 e per le attività di ricerca e sviluppo, dopo la sospensione prevista dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 68/E del 12 aprile.

Due i modelli messi a disposizione tramite il portale del GSE:

  • per gli investimenti in beni strumentali nuovi funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese;
  • per gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica.

Nel dettaglio, i modelli di comunicazione sono funzionali all’utilizzo in compensazione dei crediti d’imposta:

  • per investimenti in beni strumentali nuovi, di cui all’articolo 1, commi da 1057-bis a 1058-ter, della legge n. 178 del 2020;
  • del credito d’imposta per investimenti in attività di ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica, di cui all’articolo 1, commi 200, 201 e 202 della legge n. 160 del 2019, ivi incluse le attività di innovazione tecnologica finalizzate al raggiungimento di obiettivi di innovazione digitale 4.0 e di transizione ecologica.

Per quel che riguarda i beni strumentali nuovi Transizione 4.0, il modello di comunicazione si compone:

  • di un frontespizio per l’indicazione dei dati identificativi dell’impresa;
  • di due sezioni per l’indicazione delle informazioni concernenti gli investimenti in beni materiali e immateriali di cui, rispettivamente, all’allegato A e all’allegato B alla legge n. 232 del 2016, della fruizione negli anni dei crediti d’imposta.

Sul fronte del credito d’imposta per gli investimenti in ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica, il modello di comunicazione da trasmettere tramite il portale del GSE si compone:

  • di un frontespizio per l’indicazione dei dati identificativi dell’impresa;
  • di quattro sezioni per l’indicazione delle informazioni concernenti gli investimenti nelle diverse attività ammissibili e della fruizione negli anni del credito d’imposta.
MIMIT – decreto direttoriale comunicazione art. 6 DL 39/2024
Le istruzioni e i modelli per la comunicazione ai fini del bonus Transizione 4.0 e Ricerca e Sviluppo

Comunicazione ex ante ed ex post per i beni Transizione 4.0 e per il bonus R&S: obbligo legato alla data dell’investimento

La data di effettuazione dell’investimento determinerà il perimetro dei nuovi obblighi a carico delle imprese.

Nello specifico, sul fronte dei beni strumentali Transizione 4.0, il modello di comunicazione dovrà essere inviato ex ante ed ex post per gli investimenti effettuati dal 30 marzo 2024.

Nella comunicazione preventiva l’impresa dovrà comunicare l’importo complessivo degli investimenti che si intendono effettuare e la presunta fruizione negli anni del credito. Il modello dovrà essere inviato a conclusione degli investimenti per aggiornare le informazioni trasmesse.

Per gli investimenti effettuati a partire dal 1° gennaio 2023 e fino al 29 marzo 2024, il modello è trasmesso esclusivamente a seguito del completamento degli investimenti e costituirà, come nel primo caso, presupposto per l’utilizzo del credito d’imposta in compensazione.

Stessi obblighi di comunicazione preventiva e a conclusione degli investimenti anche ai fini del bonus ricerca e sviluppo per le spese sostenute dal 30 marzo.

Per quelle sostenute dal 1° gennaio 2024 al 29 marzo sarà invece richiesta esclusivamente la comunicazione ex post, che in tal caso lascerà fuori invece gli investimenti sostenuti nel corso del 2023.

Nella tabella di seguito riportata una sintesi degli obblighi di comunicazione previsti:

Agevolazione Data investimento Obblighi comunicazione
Beni strumentali 4.0 A decorrere dal 30 marzo 2024 Comunicazione ex ante e comunicazione ex post a completamento degli investimenti
Beni strumentali 4.0 Dal 1° gennaio 2023 al 29 marzo 2024 Comunicazione ex post attestante il completamento degli investimenti
Credito d’imposta R&S A decorrere dal 30 marzo 2024 Comunicazione ex ante e comunicazione ex post
Credito d’imposta R&S Dal 1° gennaio al 29 marzo 2024 Comunicazione ex post

Per ricevere via email gli aggiornamenti gratuiti di Informazione Fiscale in materia di agevolazioni fiscali, fisco e lavoro lettrici e lettori interessati possono iscriversi gratuitamente alla nostra newsletter, un aggiornamento gratuito al giorno via email dal lunedì alla domenica alle 13.00

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui