Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Cgil, Cisl, Uil hanno scelto la Villa d’Agri di Marsicovetere (Potenza) per il primo maggio 2024. I temi sono sviluppo, transizione energetica, progresso economico e sociale delle aree interne. In piazza Zecchetin, alle ore 10, parleranno i segretari generali della Basilicata, Vincenzo Tortorelli (Uil), Vincenzo Cavallo (Cisl), Fernando Mega (Cgil). Interverranno anche delegate e delegati sindacali.”La Val d’Agri rappresenterà per i prossimi anni una terra di prospettive, ma anche di incognite. Per questo dobbiamo decidere adesso cosa sarà. È terra di idrocarburi e di energie rinnovabili, terra di preziose risorse ambientali come l’acqua. Un’area che – afferma Vincenzo Tortorelli, segretario della Uil Basilicata – oggi vive una fase di transizione ricca di opportunità per tutto il comparto petrolifero rilanciate dopo la proroga della concessione Tempa Rossa alla Total con royalties per 1,4 miliardi di euro. Per noi è sempre più attuale la proposta dell’istituzione del Fondo Sovrano. È una strategia che va dunque adeguata alle nuove sfide della transizione energetica, che nel comprensorio petrolifero della Val d’Agri riguarda direttamente il superamento del petrolio, che guarda oltre la relazione tra ambiente e lavoro per affrontare le tematiche della sostenibilità come reale e nuova opportunità di lavoro. Una relazione che negli anni si è via via inclinata. Per costruire le giuste condizioni nella relazione tra petrolio, lavoro e comunità bisogna partire dai lavoratori, dai loro bisogni e dalla loro stabilità lavorativa, che oggi, più che mai, è messa in discussione”.Vincenzo Cavallo, segretario regionale della Cisl: “Dalla Val d’Agri deve partire la sfida per un nuovo modello di sviluppo che mette al centro il bene comune e il lavoro, e che guarda alle aree interne come luoghi che custodiscono un altro genere di ricchezza, altrettanto importante, come la biodiversità, la cultura, il paesaggio su cui dobbiamo saper edificare un nuovo modello di economia. Non è più il tempo delle parole, ma quello dei fatti per invertire la rotta dello spopolamento, che significa anche abbandono del territorio e dissesto idrogeologico. Bisogna salvaguardare le filiere industriali in questa fase di transizione, a partire dall’automotive, e occorre investire sul lavoro di qualità che significa prima di tutto lavoro sicuro ed equamente retribuito rafforzando la contrattazione e gli strumenti della bilateralità. Per una nuova economia serve un nuovo modello partecipativo fondato sul protagonismo delle parti sociali”.”Alla transizione energetica – afferma il segretario generale della Cgil Basilicata, Fernando Mega – è legata la sopravvivenza della Basilicata. Le royalties del petrolio hanno alimentato in questi anni la spesa primaria, l’università, la forestazione, le misure di sostegno al reddito così come richiesto a suo tempo dal sindacato. Ma cosa ne sarà della nostra regione quando la risorsa petrolio sarà finita e di conseguenza anche le risorse derivanti? Da anni come Cgil chiediamo un’alternativa alle fonti fossili e di accompagnare le imprese alla transizione con un fondo specifico, che sostenga l’occupazione. Non crediamo la partita si possa risolvere con la politica dei bonus, quello che sta accadendo nello stabilimento Stellantis di Melfi e nell’indotto ne è un esempio eclatante. Servono investimenti e formazione. La Basilicata è in ritardo per quanto riguarda la partita della transizione, ma ancora si può trovare una via d’uscita”. (AGI)
PZ1/RED



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui