Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Il Governo italiano annuncia modifiche all’IRPEF di lavoratori dipendenti e autonomi, per una maggiore equità fiscale.

Durante l’ultimo Consiglio dei Ministri, tenutosi Martedì i30 Aprile 2024 a Palazzo Chigi, è stata approvata una rilevante riforma del regime fiscale italiano, che include modifiche sostanziali alla tassazione dei redditi da lavoro dipendente e autonomo. Il Ministro dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti ha presentato le nuove misure, che promettono di ridisegnare il carico fiscale per milioni di italiani.

Redditi da lavoro dipendente

La riforma del regime fiscale dei redditi da lavoro dipendente introduce significative novità volte a migliorare le condizioni economiche dei lavoratori e a rendere il sistema fiscale più equo e sostenibile. Tra le principali modifiche approvate, spiccano l’esclusione di specifici contributi e premi e l’introduzione di una nuova indennità.

Esclusione di contributi e premi specifici

Una delle novità più rilevanti è l’esclusione dal reddito imponibile di contributi e premi versati dai datori di lavoro relativi a coperture assicurative che si occupano di rischi particolari. In particolare, sono esclusi dal calcolo del reddito imponibile i contributi versati per assicurazioni che coprono il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana, oltre a quelli per gravi patologie. Questa misura è stata introdotta per offrire un ulteriore strato di sicurezza sociale ai lavoratori e alle loro famiglie, mitigando il peso economico di queste potenziali situazioni di vulnerabilità.

Indennità di sostegno economico

Il governo ha anche annunciato l’introduzione di un’indennità una tantum di 100 euro, che sarà erogata nel gennaio 2025 ai lavoratori dipendenti che nel corso del 2024 avranno un reddito complessivo non superiore a 28.000 euro. Questa indennità è specificamente destinata ai lavoratori con un coniuge non separato e almeno un figlio a carico, o a coloro che, in assenza di un secondo genitore, si trovino a sostenere da soli uno o più figli. La misura intende offrire un supporto diretto a quelle famiglie che, nonostante il lavoro dipendente, si trovano a fronteggiare difficoltà economiche, soprattutto in un contesto di costante incertezza finanziaria.

Prospettive future

Le modifiche introdotte mirano a rendere il sistema fiscale più sensibile alle reali esigenze dei lavoratori, specialmente quelli che si trovano in condizioni di maggiore vulnerabilità economica e sociale. Queste azioni sono parte di un più ampio tentativo di riforma che cerca di bilanciare la crescita economica con la giustizia sociale, garantendo che ogni lavoratore possa beneficiare di una rete di sicurezza efficace e di un sistema fiscale che favorisca l’equità.

La riforma rappresenta un passo significativo verso un sistema fiscale più progressivo e orientato alla famiglia, che riconosce e premia il contributo lavorativo, allo stesso tempo alleviando le pressioni economiche su quei nuclei familiari che si trovano a gestire sfide quotidiane significative.

Comments

comments



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui