Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Nei prossimi giorni le utility diffonderanno al mercato i risultati del primo trimestre 2024, e sicuramente i dati dell’idroelettrico avranno un peso rilevante

Le abbondanti piogge e le nevi che sono cadute sull’arco alpino tra marzo e aprile hanno avuto un notevole effetto sulla produzione di energia idroelettrica, che ha fatto registrare degli aumenti anno su anno tra il 50% e il 100%.

IDROELETTRICO: I MAGGIORI IMPIANTI ITALIANI

A gestire il maggior numero di impianti idroelettrici italiani sono Enel (con circa 500 impianti per 16 GW di capacità installata), A2A (2 GW di capacità con impianti in Lombardia, Friuli Venezia-Giulia e Calabria) e Compagnia Valdostana delle Acque (CVA), con circa 1 GW di capacità e 32 impianti, tutti concentrati in Valle d’Aosta.

Nei prossimi giorni le utility diffonderanno al mercato i risultati del primo trimestre 2024, e sicuramente i dati dell’idroelettrico avranno un peso rilevante.

IL 2024 POTREBBE ESSERE UN ANNO RECORD PER L’IDROELETTRICO

Nei primi quattro mesi del 2024 CVA è l’azienda che ha ottenuto il beneficio maggiore dalla produzione idroelettrica, con un incremento di circa il 100% rispetto allo stesso periodo del 2023.

A risaltare su tutti è il dato sull’andamento rispetto alla media storica degli ultimi 10 anni (circa 2,74 terawattora): tra gennaio e aprile la generazione è stata del 30% maggiore rispetto alla media, e per l’intero anno si prevede un andamento superiore al 10% di quella media, con una produzione superiore ai 3 Twh.

A registrare un notevole aumento della generazione idroelettrica è stata anche A2A, con un incremento di circa il 50%. Per Enel la crescita della generazione nel trimestre è stata di circa il 50%. A livello nazionale, la produzione idroelettrica – che in genere è pari a 45 Twh l’anno – ha è aumentata dell’83%, e si prevede che a fine anno possa arrivare a 50 Twh.

LE REGIONI CON I RISULTATI MIGLIORI

A livello geografico, le regioni che hanno visto i maggiori incrementi di produzione idroelettrica sono Piemonte, Lombardia e Trentino Alto Adige. Dai dati diffusi nei giorni scorsi da Terna è emerso che nei primi 3 mesi dell’anno la produzione idroelettrica è passata da 5 a 9 Twh. Sono aumentate le importazioni (soprattutto dalla Francia), con un incremento rispetto alla media storica del 23,7%, da 13,7 a 16,9 Twh.

IDROELETTRICO E PREZZI DELL’ENERGIA

Il maggiore contributo dell’idroelettrico ha portato anche ad una riduzione del prezzo dell’energia (PUN). Confrontando i prezzi dell’energia di febbraio e quelli di inizio aprile, si rileva una riduzione del costo per megawattora fino a 6-8 euro nelle ore notturne e fino a 16-18 euro durante il giorno, quando entrano in funzione anche gli impianti fotovoltaici.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui