Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


L’arrivo del mese di maggio coincide con l’introduzione dell’ecobonus auto 2024. È tutto pronto, manca solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Dopo un’attesa prolungata, siamo ormai alle battute finali per l’attivazione dei nuovi incentivi destinati all’acquisto di auto elettriche, ibride e a combustione, incluse quelle a metano o Gpl. Il percorso verso l’introduzione degli incentivi auto del 2024 è stato più lungo del previsto.

Iniziato con l’annuncio del primo febbraio, lo schema è stato formalizzato soltanto all’inizio di aprile attraverso un Dpcm. Attualmente gli incentivi auto sono al vaglio della Corte dei Conti. La pubblicazione del decreto sulla Gazzetta Ufficiale è prevista entro pochi giorni e permetterà di rendere gli Ecobonus accessibili al pubblico.

Ecobonus auto 2024: a maggio via agli incentivi

Nonostante non ci sia ancora una data ufficiale, fonti attendibili hanno confermato che nel mese di maggio gli incentivi saranno fruibili. Come dicevamo, l’iter di approvazione è stato non privo di difficoltà e segnato da ritardi burocratici. Ora che il decreto è stato approvato e ha ottenuto le firme di tutti i ministeri rilevanti, inclusi il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, dell’Economia, delle Infrastrutture e dell’Ambiente, non resta che attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e l’attivazione degli incentivi.

Il lancio era inizialmente previsto già ad aprile ma alla fine si arriverà, stando alle procedure, alla prima metà del mese di maggio. Dopo la revisione da parte della Ragioneria Generale dello Stato, il decreto deve ora ottenere l’approvazione della Corte dei Conti. Un passaggio, quest’ultimo, che può richiedere fino a 30 giorni per il suo esame. Una tempistica che sta per scadere, e in assenza di osservazioni critiche la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale renderà immediatamente disponibili i fondi. Tuttavia bisognerà anche attendere i tempi tecnici per l’aggiornamento della piattaforma online per le prenotazioni degli incentivi.

Di conseguenza, si prevede che il nuovo ecobonus auto 2024 possa essere attivo dalla seconda settimana di maggio, probabilmente tra il 6 e il 12 maggio 2024.

Le agevolazioni previste: focus sugli incentivi auto 2024

Saranno disponibili 240 milioni di euro per promuovere l’acquisto di auto con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km, prevalentemente elettriche, con un prezzo massimo di 35.000 euro esclusa Iva. L’incentivo base è di 6.000 euro, incrementabile di 5.000 euro con la rottamazione di un veicolo da Euro 0 a Euro 2, di 4.000 euro per i veicoli Euro 3, o di 3.000 euro per quelli Euro 4.

Per le ibride plug-in con emissioni da 21 a 60 g/km, dotate di 150 milioni di euro di fondi, si potrà ottenere un contributo di 4.000 euro per l’acquisto di auto fino a 45.000 euro esclusa Iva. Cifra che può aumentare di ulteriori 4.000 euro con rottamazione di veicoli da Euro 0 a Euro 2, o di 2.000 euro per Euro 3 e 1.500 euro per Euro 4.

Un fondo di 283 milioni è destinato a sostenere l’acquisto di auto con emissioni da 61 a 135 g/km. Riguarda vetture sia ibride sia a motore tradizionale a basso consumo, con un limite di prezzo di 35.000 euro esclusa Iva. Il contributo previsto è di 3.000 euro con rottamazione di veicoli da Euro 0 a Euro 2, 2.000 euro per Euro 3, e 1.500 euro per Euro 4.

È previsto inoltre un aumento degli incentivi per i nuclei con Isee inferiore a 30.000 euro. In aggiunta, vi è un incentivo per l’installazione di nuovi impianti a Gpl o metano su auto omologate Euro 4 o superiore. In questo caso il contributo è di 400 euro per il Gpl e 800 euro per il metano.

Articolo Modificato Il:2 Maggio 2024


 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui