Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


Il nuovo decreto Coesione introduce i mini contratti di sviluppo, per sostenere gli investimenti produttivi di media dimensione nelle regioni del Mezzogiorno. Prevista una dotazione di 300 milioni di euro

In arrivo 300 milioni per il finanziamento dei nuovi mini contratti di sviluppo.

La misura è prevista dal decreto Coesione approvato dal Consiglio dei Ministri il 30 aprile.

L’obiettivo è quello di sostenere gli investimenti produttivi di media dimensione finanziaria, tra i 5 e i 20 milioni di euro, nelle regioni del Mezzogiorno.

Gli interventi devono riguardare le tecnologie critiche annoverate nel nuovo regolamento UE STEP.

Contratti di sviluppo: in arrivo 300 milioni per investimenti nel Mezzogiorno

Il Consiglio dei Ministri, nella riunione del 30 aprile 2024, ha approvato il nuovo decreto Coesione con “Ulteriori disposizioni urgenti in materia di politiche di coesione”.

Il provvedimento è volto a realizzare la riforma della politica di coesione che è stata inserita nell’ambito della revisione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e interviene con misure per rafforzare l’occupazione delle categorie di lavoratori più svantaggiate e in generale nel Mezzogiorno.

Tra gli interventi previsti, come si legge anche nel comunicato stampa del Ministero delle Imprese e del Made in Italy, entra anche la norma che prevede l’introduzione dello strumento dei mini contratti di sviluppo.

Si tratta di un nuovo strumento che si pone l’obiettivo di sostenere gli investimenti produttivi di media dimensione finanziaria, compresi tra i 5 e i 20 milioni di euro.

La misura si rivolge alle imprese di piccole, medie o grandi dimensioni e prevede una dotazione iniziale di 300 milioni di euro. In questa fase, però, è indirizzata solamente alle Regioni del Mezzogiorno.

I progetti di investimento devono riguardare le tecnologie critiche annoverate nel nuovo regolamento UE STEP.

La misura, infatti, si legge nel documento, è destinata al sostegno, allo sviluppo e alla fabbricazione di:

  • tecnologie digitali e “deep tech”;
  • tecnologie green;
  • biotecnologie (compresi i medicinali critici nell’elenco UE, oltre ai loro componenti).

Come sottolineato nel comunicato, si tratta di un intervento che si inserisce in un quadro di misure di incentivazione che copre già gli investimenti sopra ai 20 milioni di euro le quali stanno trovando una significativa operatività nel sostegno alle filiere produttive e alla realizzazione di investimenti volti alla transizione green e digitale delle imprese.

Per tutti i dettagli si attende ora la pubblicazione decreto Coesione in Gazzetta Ufficiale.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui