Prestiti personali immediati

Mutui e prestiti aziendali

Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoaste
01_post_Lazio
Abruzzo
Agevolazioni
Agevolazioni #finsubito
Alghero aste
Cagliari aste
Chieti
Emilia Romagna aste
Firenze aste
Italia aste
L'Aquila
Lazio aste
Lombardia aste
News aste
Olbia aste
Post dalla rete
Roma aste
Sardegna aste
Sassari aste
Toscana aste
Zes agevolazioni
   


L’approvazione della Camera dei deputati, giunta il 29 dicembre, segna il via libera definitivo alla legge di bilancio 2024 (Legge 30 dicembre 2023 n. 213), pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 303.

Queste le parole del ministro dell’economia e delle finanze, Giancarlo Giorgetti, in occasione della conferenza stampa per l’approvazione da parte del Consiglio dei ministri:

“Questa è una manovra seria e prudente che conferma tutti gli obiettivi approvati con la Nadef”

“È evidente che il quadro e la congiuntura hanno reso problematica la costruzione del bilancio – prosegue il ministro – perché il peso superiore degli interessi del debito pubblico si fa sentire e ci sono delle variabili che in questo momento non sono ponderabili”.

La nuova legge di bilancio, infatti, in considerazione dell’attuale situazione economica, influenzata negativamente dall’aumento dell’inflazione e dei costi energetici, dal conflitto russo-ucraino e dalla crisi in Medio Oriente, ha come focus la riduzione della pressione fiscale.

La manovra finanziaria introduce una serie di interventi mirati a sostenere e promuovere lo sviluppo delle imprese, per contribuire alla ripresa economica del Paese.

Diamo, quindi, uno sguardo alle principali novità sul fronte del potenziamento degli investimenti privati.

Il nuovo credito d’imposta per la ZES unica nella legge di bilancio 2024

Legge di bilancio 2024

Tra le principali novità introdotte dalla legge di bilancio 2024, la modifica al comma 6 dell’articolo 16 del decreto-legge 19 settembre 2023, n. 124, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 novembre 2023, n. 162.

Stiamo parlando del nuovo credito d’imposta per la ZES unica, per la quale la nuova legge di bilancio stanzia 1,8 miliardi di euro.

Tali risorse saranno destinate al finanziamento di un credito d’imposta a cui possono accedere, a partire dal 1° gennaio 2024, le imprese con sede nelle regioni del Mezzogiorno, a fronte di investimenti dal valore minimo di 200.000 euro effettuati per l’acquisizione di beni strumentali. La ZES unica, ricordiamo, ricomprende le regioni della Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna, Molise e Abruzzo e prevede aliquote differenziate per regione e dimensione aziendale. Per conoscere il dettaglio delle aliquote, leggi qui.

La nuova legge di bilancio 2024 ha eliminato anche la precedente scadenza fissata al 30 dicembre 2023, termine entro cui si attendeva l’emanazione del decreto attuativo per il credito d’imposta della ZES unica. Restano quindi ancora da definire le modalità di accesso al beneficio nonché i criteri e le modalità di applicazione e di fruizione del credito d’imposta. Escluso anche il riferimento alle risorse europee e nazionali della politica di coesione quali fonti di copertura della misura.

La legge di bilancio 2024 prevede anche un incremento delle dotazioni per ulteriori misure di sostegno alle imprese.

I Contratti di sviluppo

I Contratti di sviluppo finanziano gli investimenti produttivi di grandi dimensioni, che abbiano un totale dei costi ammissibili non inferiore a 20 milioni di euro. Possono accedere all’agevolazione le imprese in forma singola o associata, italiane o estere, e di qualsiasi dimensione. La legge di bilancio autorizza la spesa complessiva di 190 milioni di euro per l’anno 2024, di 310 milioni di euro per l’anno 2025 e di 100 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2026 al 2030.

La misura finanzia i programmi di sviluppo industriali, compresi i programmi riguardanti l’attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, i progetti finalizzati alla tutela ambientale e i programmi per lo sviluppo delle attività turistiche e commerciali.

La Nuova Sabatini

La Nuova Sabatini è la misura di sostegno agli investimenti in beni strumentali, realizzati da micro, piccole e medie imprese. La legge di bilancio 2024 rifinanzia la misura con ulteriori 100 milioni di euro.

Leggi questo articolo per tutti i dettagli sulla natura dell’agevolazione, sui progetti finanziabili e le imprese beneficiarie.

Il Fondo per la crescita sostenibile

Il Fondo per la crescita sostenibile (prima Fondo per l’innovazione tecnologica) consiste in un finanziamento agevolato concesso per:

  • la realizzazione di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione;
  • il riutilizzo di impianti produttivi e il rilancio di aree che versano in situazioni di crisi;
  • l’internazionalizzazione delle imprese e l’attrazione di investimenti dall’estero.

Le finalità del Fondo sono attuate mediante specifici bandi, ovvero direttive del Ministro dello sviluppo economico, in cui sono individuati i requisiti di accesso dei soggetti beneficiari, le spese ammissibili e l’intensità delle agevolazioni. Per il 2024 il Fondo è stato incrementato di 110 milioni di euro e di 220 milioni di euro per l’anno 2025.

Il credito d’imposta per investimenti 4.0

Resta deluso chi invece si aspettava una revisione delle aliquote del credito d’imposta 4.0.

Le imprese che effettueranno investimenti in beni strumentali materiali 4.0, continueranno a beneficiare di un’agevolazione fiscale del:

  • 20% del costo per investimenti fino a 2,5 milioni di euro;
  • 10% del costo per investimenti superiori a 2,5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro;
  • 5% del costo per investimenti superiori a 10 milioni di euro e fino al limite massimo pari a 20 milioni di euro.

Per progetti d’investimento che includono beni immateriali, l’aliquota per il 2024 scende invece al 15%.

Per non perderti le ultime news in tema di tecnologie 4.0 e incentivi per le imprese, iscriviti alla newsletter.

Legge di bilancio 2024Legge di bilancio 2024

Immagini utilizzate nell’articolo (fonti): comunicazione.camera.it, freepik.com.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui